Cult Memorandum
un viaggio musicale 
Spettacolo di Musica, Voce, Danza ed AcrobaziAerea
Pape Gurioli: Pianoforte - Federica Balucani: Voce Soprano - Loretta Morrone: DanzAcrobaticAerea

PAPE GURIOLI è un pianista attivo nei campi più disparati, dal pop al jazz alla contemporanea. Poco dopo aver terminato gli studi classici al Conservatorio di Firenze, entra nel mondo della musica leggera collaborando con alcuni dei maggiori artisti del settore: Jovanotti (di cui è stato pianista per otto anni), Giorgia, Lunapop, solo per citarne alcuni. Ha inoltre preso parte ad eventi internazionali del calibro del MTV Award di Londra e del Pavarotti & Friends (come collaboratore agli arrangiamenti delle musiche). Anche Laura Pausini nel 2003, al teatro di Mirabilandia, si è esibita accompagnata al piano da Pape Gurioli con un brano Piano e Voce tratto da un suo album. Nel 2005 Pape si è esibito in una performance Piano e Voce al premio "Giorgio Gaber" di Viareggio con Cesare Cremonini. Nel 1998 gli viene riconosciuto uno stile pianistico anche grazie alla sua prima tournee italiana di piano solo. L’originalità dello stile pianistico di Pape è stata inoltre riconosciuta da musicisti internazionali del calibro di Ennio Morricone. Nel jazz, Gurioli si è esibito in contesti internazionali di grande livello, confrontandosi con artisti come Steve Grossman, Billy Cobham, Franco D’Andrea, Joe Zawinul (Weather Report). Lo stesso Zawinul si è personalmente e caldamente complimentato con Pape in diretta televisiva dopo avere ascoltato la sua interpretazione del famoso brano “Birdland”. Anche Zawinul gli ha inoltre riconosciuto uno stile pianistico originale ed unico. Oltre ai numerosissimi dischi registrati come pianista delle più famose popstars italiane, ha registrato due albums come solista (Pape Gurioli Piano e Ensambie Sounds ami Colours) - quest’ultimo con l’indimenticato e leggendario batterista - degli “Area”, Giulio Capiozzo con cui Pape ha avuto una lunga collaborazione. L’esperienza contemporanea, riguardo le collaborazioni con artisti visuali, ripropone le esperienze di dialogo che nella storia dell’arte sono note, come ad esempio quelle di John Cage e Robert Raushemberg, e tutta la generazione dei musicisti minimal americani, riguardo appunto la contaminazione tra musica, arte contemporanea, danza e performance. Pape Gurioli, perseguendo questa “strada” ha infatti collaborato con artisti come: Lindsay Kemp, William Congdon, Luigi Ontani e Massimo Barzagli. Con quest’ultimo ha presentato, nei “templi” dell’arte contemporanea (“FIAC” Parigi -”Koln Art” Colonia), europei un concerto/performance di musica , pittura e danza dove ha partecipato appunto Giulio Capiozzo. Ha inoltre pubblicato per la Berbèn un libro di tecnica strumentale per pianoforte “Svolta Pianistica”, attualmente un best seller in Italia. Si è cimentato in una incisione (prodotta da W. Mameli) dove duetta al piano con ospiti illustri del panorama musicale italiano, due fra tutti: il flautista classico Giorgio Zagnoni ed il fisarmonicista (collaboratore dell’Orchestra La Scala) Simone Zanchini. Dal 2004 a oggi è il pianista ufficiale, e responsabile musicale del "'''Premio Lunezia'''". E' l'inventore, assieme al Dr Martino Giorgini del progetto "Musica Biologica". Nel 2008 pubblica il CD "Ti parlo una canzone"Testo in corsivo con gli attori Edoardo Siravo e Vanessa Gravina, progetto musicale discografico,per ora, unico al mondo; canzoni popolari parlate e recitate con accompagnamento di pianoforte concertante.Pubblica poi una serie di Cd ChilloutV: Double-PeTesto in corsivo (Pape&Pausini) con la collaborazione di Fabrizio Pausini e l'etichetta GentemusicTesto in corsivo, che Laura Pausini porta e ha portato in tutto il mondo come musica di attesa prima dei suoi concerti. E' recente la sua collaborazione con Enrico Maria Papes ( voce storica dei Giganti) che ha dato vita al concerto/spettacolo, Pape & Papes, "Note note e meno note", piano e voce, rivisitazione con nuovi arrangiamenti di brani famosi di cantautori italiani e francesi. E' ed è stato giurato in importanti concorsi canori: Festival di Castrocaro, Premio Lunezia, Premio "Pigro" Ivan Graziani (in qualità di presidente di giuria), Festival di San MarinoTesto in corsivo, Premio Mia MartiniTesto in corsivo e tanti altri. Produttore artistico discografico, conto terzi. Attualmente sta pubblicando un nuovo Cd a solo di Pianoforte acustico e Piano Fender rhodes "Frammenti di piano" per la casa discografica Blue Tattoo Music di Trieste e conseguente tour nazionale e internazionale live. www.papegurioli.com

 

FEDERICA BALUCANI SOPRANO, Soprano di origine umbra, nasce a Perugia il 13 novembre 1983. 

Inizia a cantare giovanissima nei locali della sua città, cimentandosi con il repertorio della musica leggera italiana e straniera. 

Scopre solo di recente la passione e la voce per la lirica. Inizia così i suoi studi privati seguita da vari insegnanti, tra cui il famoso tenore William Matteuzzi.

Attualmente è seguita dal soprano bulgaro Evghenia Dundekova.

A luglio 2002 si diploma al Liceo Linguistico Statale "A. Pieralli" di Perugia .

A maggio 2005 canta nel ruolo di Nausicaa alla prima mondiale della dance opera "Odysseus" tenutasi al Colosseo di Roma con la regia di Renato Greco e Maria Teresa Dal Medico.

Nell'anno 2006 recita e canta nel ruolo di Amneris nel musical "Aida il musical" e nel frattempo consegue la Laurea di primo livello in Lingue e Culture Straniere presso l'Università degli Studi di Perugia.

Ad agosto 2007 partecipa alla XX edizione del Premio "Anthurium d'argento" presentata dall'attrice Giuliana Lojodice al parco delle Terme di Caronte di Lamezia Terme cantando in anteprima nazionale il brano "Calabria" su testo della poetessa Francesca Loiacono Ruperto.

A settembre 2007 viene invitata come ospite d'onore da Monthy Shadow all'Art Master di Saint Moritz, dove canta nella serata dedicata a "Vacheron Constantin / Time&Space Vogue l'uomo" ottenendo grande riscontro di pubblico.
A giugno 2008 si esibisce all'evento "I giovani per i bambini difesi dall'Unicef" organizzato dal Comitato Provinciale Forlì-Cesena per l'Unicef .

Ad agosto 2009 partecipa al corso per giovani cantanti lirici tenuto dal soprano Evghenia Dundekova riscontrando grande successo di pubblico.

Il noto Vittorio Squillante, produttore/autore nonchè agente di alcuni dei più grandi attori internazionali, quali Giancarlo Giannini, Joe Pesci, Harvey Keythel, Murray F. Abrahm, ha molto apprezzato le doti canore, estetiche ed umane di Federica collaborando alla scrittura di inediti per lei, e svolgendo un'attiva opera di promozione dell'artista in campo cinematografico e televisivo.
Vittorio Squillante ha fatto ascoltare la voce di Federica al premio oscar M. Abrahm il quale si è commosso fino alle lacrime complimentandosi direttamente con l'artista a Roma in occasione di una premiazione di Abrahm.

Il 24 ottobre 2009 Federica ha ricevuto, inoltre, l'ambito premio "Penisola Sorrentina Arturo Esposito" come migliore voce rivelazione.

A inizio 2010 frequenta il Cubec, l'Accademia di Bel Canto del grande soprano Mirella Freni.www.federicabalucani.it

 

Cult, qualsiasi cosa fatta oggetto di culto, detto di chi o di ciò è assurto a oggetto di culto, canzoni che hanno un valore eccezionale per un pubblico di spettatori appassionati.

Memorandum, che deve essere ricordato

Il progetto si avvale di 3 Artisti, Pape Gurioli (pianoforte) e Federica Balucani ( voce-soprano), Loretta Morrone (danza abrobaticaerea), che “scommettono” su una nuova interpretazione di brani di musica leggera e parti di brani d’opera molto conosciuti ( Cult) di Artisti- compositori – cantanti che hanno lasciato un segno nella storia della musica mondiale!

La scelta della lingua dei brani è volutamente rivolta alla lingua francese, lingua particolarmente evocativa, romantica e musicale, questo anche perché molti dei brani scelti, del repertorio  è di origine francese.

Nel repertorio appare anche qualche guizzo verso la lingua spagnola e italiana.

L’originalità del progetto stà nell’ ANTITESI ( normalità-pazzia)

Per cui eseguire i brani, nella stesura melodica e autorale, esattamente “come da spartito” da parte della soprano Federica Balucani, mentre la tessitura armonica, ritmica di”accompagnamento”/pianoconcertante, da parte di Pape Gurioli (risaputo pianista eclettico e poco incline “all’ accademia”),viene totalmente sconvolta e vestita di un’ inaspettata e inusuale e sorprendente strategia pianistica quasi di “sfida”nei confronti dell’accademia e dello standard e del “già sentito”. Loretta Morrone, dal canto suo, suggella, abbellisce e sottolinea, con acrobatici disegni di danza, la pazzia dell,improvvisazione pianistica e la normalita, del canto melodico.